Costiera Amalfitana - Informazioni Turistiche - Capitano Ago
Prenota

Costiera Amalfitana

BENVENUTI IN COSTIERA AMALFITANA:

La Costiera amalfitana, sul versante meridionale della penisola sorrentina, è una delle zone più frequentata della Campania. Tutta la costiera si snoda per una quarantina di chilometri da Salerno fino a Positano. Come raggiungerla: I principali punti di collegamento vicini alla Costiera Amalfitana sono Napoli, Sorrento e Salerno. I mezzi pubblici più comodi per arrivare in Costiera sono gli autobus Sita e, in estate, i traghetti e gli aliscafi del Metrò del Mare. Positano è il primo paese della Costiera Amalfitana che si incontra provenendo da nord. Proseguendo lungo le curve della Costiera (la Strada Statale 163) man mano si raggiungono Praiano, Amalfi, Minori, Maiori, Cetara e Vietri sul Mare. L'unica stazione ferroviaria si trova a Vietri sul Mare ed è collegata con Napoli e Salerno.

Per soggiornare non riscontrerai particolari problemi, poiché vi sono molte strutture alberghiere con un buon livello di servizi. Meta privilegiata di turisti provenienti da tutto il mondo, la Costiera Amalfitana può garantire un' adeguata accoglienza in strutture tutte a misura d'uomo, dove i rapporti umani costituiscono ancora un valore fondamentale. Comunque, sia per facilità di spostamento che per convenienza, ti consiglio di alloggiare nel comune di Maiori, una bella cittadina situata a metà strada tra Salerno ed Amalfi. Possiede una ampia spiaggia alle cui spalle si sviluppa un bel lungomare. La sua posizione geografica è particolarmente favorevole e permette di raggiungere facilmente da un lato Ravello, Amalfi e Positano oppure sull'altro lato Vietri sul Mare e il capoluogo Salerno.

Una tappa fondamentale del viaggio è Amalfi (raggiungibile con gli autobus della SITA).  Dove puoi visitare le stradine del centro, il Duomo (in stile romanico/barocco) e l'antica cartiera. Anche se geograficamente di difficile fruizione, in modo particolare le sue spiagge, tranne quelle sul fronte mare cittadino, sono raggiungibili solo attraverso la percorrenza di lunghe scalinate o via mare, però sono a contatto con una splendida natura e fanno godere di una vista mozzafiato.  Come souvenir non puoi farti mancare oggetti nella tipica carta d'Amalfi.  La carta di Amalfi, detta anche “Charta Bambagina” per il particolare procedimento di produzione che, parte da raccolte di cenci e stracci di lino, cotone e canapa di colore bianco, ridotti poi in poltiglia e trasformati in carta per mezzo di telai.

A poca distanza, sempre continuando con la stessa linea, raggiungerai Positano, anch'essa ricca di turisti, famosa per le spiagge e le caratteristiche stradine e giardini, con i colorati vicoli e la famosa moda Positano. Dalla parte opposta, verso sud, puoi fare una capatina a Vietri sul mare (famosa per le ceramiche); e sulla strada del ritorno puoi fermarti a Ravello, ammirando il più suggestivo dei panorami. Un susseguirsi di curve panoramiche ti accompagnerà in un viaggio meraviglioso alla scoperta di paesini incastonati nella roccia, affascinanti insenature e baie che regalano emozioni forti così come il fiordo di Furore e la grotta dello

Smeraldo

I “giardini” terrazzati per la coltivazione degli agrumi costituiscono l’impareggiabile caratteristica di tutta quanta la costiera. I limoni sono per lo più d’una qualità talmente dolce, poco agra e di sapore rotondo, che viene detta “pane”, in quanto si può gustare tranquillamente a fette, come dessert con o senza aggiunta d’un cucchiaio di zucchero. Racconta la storia che fu proprio con un gran cesto di limoni ed altri agrumi che gli abitanti di Minori convinsero il Papa a restituire alle loro città il vescovado perduto. Ora i limoni della Costa Amalfitana, oltre ad aromatizzare creme pasticciere, servono soprattutto a fabbricare il celebre “limoncello”, un liquore dallo stupendo profumo del limone ormai famoso in tutto il mondo.

La Costiera Amalfitana (costa della Campania, sul golfo di Salerno), è piuttosto nota per la peculiare bellezza delle sue spiagge (caratterizzate prevalentemente da acqua cristallina e pulita). In realtà, il territorio non si presenta con spiagge estese e ben delineate da sabbia, ma bensì con porzioni di scogliera con ciottoli e rocce incredibilmente a picco, che rendono il posto fonte di attrazione turistica da tanti anni (anche grazie ai numerosi sentieri romantici e ben curati).

La prima spiaggia meritevole di considerazione, è indubbiamente la tipica spiaggia di Amalfi, al centro della costiera amalfitana (questa infatti, è caratterizzata da un intensa frequentazione mondana). Tenete conto che il servizio turistico del luogo, mette a disposizione dei visitatori delle piccole barche per consentire l'accesso a porzioni interamente delineate da spiaggia (altrimenti non raggiungibili). Se si desidera usufruire di questo servizio (spesso a pagamento), è consigliabile recarsi sul posto direttamente di mattina presto.

Le spiagge di Erchie e di Maiori, sono particolarmente adatte alle famiglie con bimbi piccoli (queste, si caratterizzano per la presenza di sabbia, bar, chioschi, servizi di ristorazione e per la facilità di spostamento grazie ai vari mezzi turistici a disposizione). Molto caratteristico anche il borgo marinaro di Cetara (intensamente circondato da vigneti). Questo racchiude al suo interno tranquille e numerose porzioni di spiaggia, (in cui sarà possibile gustare specialità marinare fresche, alici e tonno del luogo, godendo al contempo della vista dell'acqua limpida e da una costiera mozzafiato).

Le spiagge suddette, si accomunano tra di loro per la pulizia dei loro ambienti, il fascino dei paesaggi, la moltitudine di servizi offerti al pubblico, e l'acqua marina splendente (è facile infatti notare i piccoli pesci colorati sul fondo).  Data la considerevole percentuale di turisti che ogni anno visitano la zona, è consigliabile prenotare con un anticipo di almeno 6 mesi (per usufruire delle migliori strutture a prezzi ragionevoli). Vicino Praiano (sempre appartenente alla costiera amalfitana), si trova invece una delle più affascinanti cittadine della zona (il piccolo borgo di Furore), che con la sua spiaggia tranquilla, offre ai visitatori lo spettacolo dei tuffi.